Ringraziamento del Parroco al Card. Bassetti

Ringraziamento fine Messa

Card. G. Bassetti

Sessa A., 9/06/2018

Eminenza Rev.ma: grazie! Per l’attenzione riservata alla nostra realtà, alla nostra Città. Nella sua persona abbiamo percepito l’abbraccio dell’intera Chiesa italiana. Il Signore benedica e protegga il suo delicato ruolo presidenziale. Da oggi sappia che ha degli amici in più che quotidianamente pregano per lei e per le sue intenzioni!

Porto a tutti il saluto di don Valerio Pennasso, direttore dell’Ufficio Nazionale Beni Culturali della CEI assente per sopraggiunte urgenze. Siamo molto grati alla Chiesa Italiana che ha contribuito, tramite i fondi dell’8x1000, a questo meraviglioso restauro.

Il più grande grazie va a chi ha reso possibile tutto questo: il nostro caro e grande Vescovo, Mons. Orazio Francesco. Eccellenza in questi anni ha consegnato a noi il cuore affinché rendessimo migliore il territorio. Ci stiamo provando! Grazie perché nella fiducia posta, la speranza in ogni uomo e nelle sue potenzialità. Se da un lato oggi vogliamo affidare ancora una volta alla Mamma Celeste, la sua cara mamma Anna; dall’altro il nostro augurio sincero per i suoi 40 anni di sacerdozio ed i 5 di elezione episcopale che festeggerà a breve, il prossimo 25 giugno.

Oggi si chiude un percorso durato un triennio, e posso letteralmente affermare che è stato un “cantiere d’umanità”. Gli aspetti procedurali hanno visto una gestazione complessa ed articolata; non poche le fatiche affrontate. In questi anni abbiamo imparato a metterci alla “scuola della bellezza”: la scelta di idonee soluzioni progettuali hanno richiesto discernimento e rispetto per un luogo testimonianza di fede e di culto. Così pure la sinergia con le Istituzioni: CEI, Soprintendenza, Genio Civile, Comune ha richiamato l’urgenza di una coesione sociale che mira all’interesse collettivo.

Una delle note belle è la fraterna amicizia stretta con le maestranze. Aldilà delle singole specializzazioni ognuno ha sentito casa propria questo luogo: abbiamo gioito assieme a fine giornata lavorativa o dinanzi a rinvenimenti, ci siamo sostenuti nei momenti critici, ci siamo stretti premurosamente per terminare l’opera senza contare tempo o denaro. In questo momento come non ringraziare il progettista e direttore dei lavori, arch. Antonio Maio assieme al collaudatore ing. Gianluigi Gaetani, così come l’intera ditta Bugli srl amministrata dall’arch. Renato di Girolamo, la restauratrice Michelina Acquaro e le imprese varie intervenute. Nessuno me ne voglia se un grazie profondo, sincero ed affettuoso va al socio Sossio D’Errico e al capocantiere Mario D’Errico: sono stati non semplici lavoratori ma amici e fratelli che hanno voluto bene, prima di curare un bene. Dio ve ne renda merito! Lo splendore che oggi ammiriamo è passato per le mani callose di tanti operai che col sudore della fronte hanno recuperato un edificio sciupato. Quanto impegno ci hanno messo! Sfiniti ma gioiosi di riconsegnare alla collettività un capolavoro, rispettando rigorosamente i tempi previsti! Dovremmo imparare a leggere la storia dalla parte della gente comune: è più coerente ed incarnata.

Un grazie sincero ai confratelli sacerdoti in particolare al parroco emerito don Mario Sullo, ai diaconi, ai religiosi, alle religiose, ai seminaristi, al caro Silvio, Sindaco di Sessa per la stretta ed amicale collaborazione mostrata, all’attuale e precedente Amministrazione, alle Istituzioni civili e militari ed al popolo santo tutto per avere condiviso questo momento di festa e di preghiera. Ringrazio parimenti il coro parrocchiale che stasera ha dato il meglio di sé, il servizio liturgico, il servizio d’ordine, il servizio pulizie, gli addobbatori, gli sbandieratori, i giornalisti, l’ufficio diocesano beni culturali e la commissione di arte sacra, l’ufficio diocesano liturgico e l’ufficio diocesano comunicazioni sociali, il Consiglio Pastorale, il Consiglio Affari economici e quanti hanno reso bella questa giornata.

Oggi la Chiesa ricorda il Cuore Immacolato di Maria: la Madonna teneramente accompagni i nostri passi. Possano oggi e sempre essere benedetti i sentieri dei costruttori di pace! Maria, Avvocata del Popolo, prega per noi. Grazie…

 

don Roberto, parroco